domenica 28 settembre 2008

Tirrenia, fucina di portieri

In queste prime settimane si sono messi in luce i portieri del Tirrenia: Vincenzo Scicchitano, autore di una prova convincente col Ghezzano, Simone Romoli, due ottime parate a Santa Maria a Monte e il nuovo acquisto Luca Trippanera, messosi subito in luce in allenamento, stanno dando grande sicurezza al reparto arretrato del Tirrenia, in un ruolo delicatissimo e fondamentale.




Simone Romoli: classe 1981, alla sesta stagione nel Tirrenia, vanta due stagioni da riserva in Eccellenza nel Montecalvoli, quindi molti anni tra Seconda e Terza Categoria con le maglie di Tirrenia e Bellani. Attento nelle uscite, reattivo tra i pali, fa della costanza di rendimento il suo punto di forza. Come alcuni piloti, si esprime meglio sul bagnato: storiche alcune sue battaglie nel fango. Il portiere ha dichiarato: "Tirrenia è la mia seconda casa. Qui ho vinto due campionati e conosciuto molti amici. Il nostro progetto è ambizioso e a lungo termine".




Vincenzo Scicchitano: classe 1985, terza stagione nel Tirrenia, l'anno scorso è stato quello della sua consacrazione e del sorpasso nelle presenze su Romoli. E' partito alla grande col Ghezzano, fermato in settimana per un risentimento all'adduttore. Detto "micione", è un portiere esplosivo e capace di miracoli incredibili sulle conclusioni ravvicinate. Dotato di un gran rinvio e in quota, è l'arma in più del Tirrenia. Vincenzo ha sottolineato: "Le miciate sono un ricordo del passato! Le sirene di Vicarello sono sfumate, sono un uomo del Tirrenia e metterò la mia esperienza al servizio della squadra".




Luca Trippanera: classe 1986, originario di Tarquinia, ribattezzato "black-trippa", in pochi giorni ha subito dimostrato di avere ottimi fondamentali. Giovanissimo e di caratura fisica diversa da Romoli e Scicchitano, è molto rapido tra i pali e ha una presa sicura. Ex-Filettole, in quota, quest'anno avrà la possibilità di lavorare col preparatore dei portieri e sarà anche lui una pedina fondamentale per il Tirrenia. Il suo commento è stato: "mo' quest'anno posso allenarmi cor preparatore. La competizione è uno stimolo importante, ma sono pronto! Nun sarà facile sceglie pe' Er miste' "




Ma qual'è il segreto dei portieri del Tirrenia? Come è possibile che tutti i portieri che indossano quella maglia dimostrano grandi qualità? La risposta è il preparatore dei portieri Giovanni "Giaguaro" Masi, uno che ha calcato il terreno di Marassi a testa alta, re dei portieri pisani degli ultimi trent'anni, ancora alla ricerca di un degno erede. Gli intensi allenamenti, i consigli e le indicazioni con cui corregge i suoi pupilli, sono la chiave del loro rendimento. Masi ha confessato di essere "contento che la società mi metta a disposizione dei portieri che, aldilà del fatto di essere chi più chi meno malati di mente, sono ragazzi umili e che si allenano con grande dedizione. La competizione rimane, ma sono tutti e tre pronti a imparare gli uni dagli altri e ad incoraggiarsi a vicenda per aiutare la squadra. Sono tre portieri che tutti ci invidiano e che ovunque sarebbero titolari indiscutibili. Ognuno ha particolari pregi, che Corrado valuterà per scegliere il più adatto in ogni partita".



Anche l'IFFHS, la Federazione Internazionale di Statistiche sul Calcio, sta rivedendo ormai le sue classifiche. La famosa papera di Petr Cech, costata l'eliminazione della Repubblica Ceca con la Turchia, ha proiettato i tre portieri al terzo posto nel mondo dopo Buffon e Casillas. I tre portieri facendo gruppo, cercheranno tutte le domeniche di mettere in difficoltà mister Lorenzi nelle sue scelte, imparando gli uni dagli altri per esprimersi sempre al meglio. Buffon e Casillas sono nel mirino.....

3 commenti:

paolo.m ha detto...

il Romoli è fortissimo

Santa Maria a Monte in seconda ha detto...

ieri quella di piede è stata una grossa parata. complimenti da santa maria a monte

Anonimo ha detto...

Trippa portaci in europa!!!!!!